Skip to main content

Il cantautore Andrea Laszlo De Simone torna a suonare dal vivo con l’Immensità Orchestra, e sceglie il Locus festival come tappa esclusiva nel sud. Per l’occasione il Locus si allunga al 29 agosto e raggiunge il capoluogo pugliese, in una location inedita e suggestiva: la piazza della Basilica di San Nicola, cuore e icona della città di Bari.

Un evento che completa il già straordinario e ampio cartellone musicale del Locus festival 2021, caratterizzato dal concetto di “open-eyed music”. Sono più di trenta i prestigiosi spettacoli previsti principalmente in valle d’Itria a Locorotondo, con importanti appuntamenti anche nel Parco Archeologico di Egnazia, in piazza a Fasano ed infine a Bari.

Alcuni dei concerti annunciati sono già sold-out in base agli attuali limiti di capienza (Frah Quintale, Venerus, C’mon Tigre Toccafondo…), per questo è vivamente consigliato l’acquisto in prevendita.

I biglietti per il Gran Finale del 29 agosto sono ora disponibili tramite l’app DICE.fm e sul circuito TICKETONE.


Il concerto di Andrea con l’Immensità Orchestra porterà sui palchi alcuni brani dei primi dischi, la recente Vivo – un inno alla vita e alla sua inevitabile precarietà, e la suite “Immensità”, un percorso spiroidale che ha come fulcro l’elaborazione del lutto e come scopo la rinascita articolata in 4 capitoli: Il Sogno, La realtà, Lo Spazio e Il Tempo.

Di Immensità il prestigioso Le Monde ha scritto: “… assomiglia alla ruvida malinconia di Battisti, alla solennità del “Bolero” di Ravel e ai voli elettronici dei Radiohead”.
Nel marzo 2020 il disco è uscito in Francia, Canada, Belgio e Stati Uniti per Ekleroshock/Hamburger Records, suscitando gli entusiasmi della critica internazionale. L’autorevole Libération (che già per il precedente album Uomo Donna aveva scritto che “eravamo in presenza di qualcosa di straordinario”) ha dichiarato: “Questo ragazzo che viene da un altro tempo, dagli occhi spalancati sormontati da un baffo alla Zappa, fa molto di più che ravvivare la fiamma del grande pop progressive italiano: la sua musica è un’arte dei rumori del mondo, ardente e universale”.

L’Immensità Orchestra è una vera e propria orchestra in perenne trasformazione, tra i suoi elementi dalla sua nascita: Zevi Bordovach (piano, organo, tastiere, flauto traverso, cori), Daniele Citriniti (basso, cori), Stefano Piri Colosimo (tromba, flicorno, fischio, cori), Filippo Cornaglia (batteria, flauto, cori), Enrico Gabrielli (sax, flauto traverso), Clarissa Marino (violoncello), Yoko Morimyo (cori), Damir Nefat (chitarra, cori), Giulia Pecora (violino), Anthony Sasso (synth, cori), Caterina Sforza (cori), Stefano Costantini (tromba, flicorno), Simone Garino (sax, clarinetto), Giovanni Giuvazza Maggiore (chitarra).