Category

Senza categoria

Locus festival presenta The Heliocentrics. Sabato 15 luglio il grand opening in piazza!

By | Locus 2017

Sabato 15 luglio in concerto in Piazza Moro a Locorotondo per il secondo appuntamento della XIII edizione della manifestazione, il primo a ingresso gratuito.

Opening Act: Elisa Barucchieri e Valentina Magaletti , in un esclusivo spettacolo di danza e musica fra aria e terra offerto da Motoria / Concessionaria ufficiale Mercedes Benz.


Non poteva partire meglio il Locus Festival che, dopo l’incredibile live di Bonobo – il musicista e producer inglese che lo scorso 9 luglio presso Mavù Masseria ha infiammato il pubblico con il suo ultimo lavoro discografico Migration (uscito lo scorso 13 gennaio per Nunja Tune) – torna con un nuovo concerto sabato 15 luglio presso la splendida Piazza Moro sito nel cuore di Locorotondo.

A salire sul palco sabato toccherà infatti a THE HELIOCENTRICS, la band culto capitanata da Malcom Catto, per il primissimo evento in cartellone a ingresso gratuito.

The Heliocentrics presenteranno i brani del nuovo album “A World of Masks”, il loro quarto lavoro uscito a maggio 2017 per la Soundway Records.
The Heliocentrics sono un collettivo di musicisti inglesi che a partire dalla prima apparizione nel 2006 nell’album di DJ Shadow “The Outsider”, a cui ha fatto seguito nel 2007 il debutto “Out of There”, hanno subito messo in chiaro quanto siano del tutto ininfluenti i confini tra generi musicali.
Da sempre il loro suono batte una strada che spazia tra jazz, hip-hop, psichedelia, krautrock e musica concreta. Un percorso che si è sviluppato e consolidato nel tempo e nei successivi lavori “3 Degrees Of Reality” e “In the Deep”. Vantano una serie infinita di collaborazioni fin dai primi anni ’90 (tra cui ricordiamo quelle con Dj Shadow e Madlib e quelle con etichette culto come la Mo’ Wax e Jazzman).

Il concerto sarà preceduto da un grande spettacolo di apertura del Locus Festival in piazza, offerto da Motoria / Concessionaria ufficiale Mercedes Benz: la danzatrice ELISA BARUCCHIERI e la batterista VALENTINA MAGALETTI hanno ideato una speciale coreografia spettacolo con danze sospese in volo sopra il pubblico e sonorizzazioni ritmiche live. La performance esclusiva si articolerà in diversi momenti con evoluzioni in aerea delle danzatrici e dei danzatori di ResExtensa Dance Company create dalla folle creatività di Elisa Barucchieri e musicate dalla splendida Valentina Magaletti.
Motoria, Unica concessionaria Ufficiale Mercedes-Benz per Bari, BAT, Matera e Taranto della Maldarizzi Automotive Group ha voluto creare qualcosa di unico e donare un evento magico per abbracciare tutto il pubblico del Locus Festival di cui è sponsor ufficiale.

Dopo il concerto, after party nel complesso della Chiesa di Sant’Anna, a Locorotondo in via dei Templari, con il dj set curato dal team Kode_1 con Jay Tool. In collaborazione con Associazione Il Tre Ruote Ebbro e BB&P.

——————-

Piazza Moro | Ingresso libero h 21
Opening: ELISA BARUCCHIERI e VALENTINA MAGALETTI – Danza e musica fra aria e terra
L’arte si eleva, grazie al sostegno di Motoria / Concessionaria ufficiale Mercedes Benz
Chiesa di Sant’Anna | Ingresso libero h 23,30 – dj set by Kode_1 feat. Jay Tool
Infoline: 393 9639865

AEHAM AHMAD, Il “pianista di Yarmuk” al Locus Winter, nella chiesa madre di Locorotondo. Nuova data il 19 gennaio.

By | Senza categoria

EVENTO-Aeham-Ahmad-1000

Dopo l’annullamento forzato della prima data a causa dei disagi della neve, il Locus Winter ha riprogrammato questo atteso evento a giovedì 19 gennaio 2017.

Ormai noto in tutto il mondo come il leggendario “pianista di Yarmouk”, dal nome del campo profughi palestinese alle porte di Damasco dov’è nato, Aeham Ahmad conclude la sua tournè italiana giovedì 19 gennaio per la rassegna Locus Winter, alle ore 21 nella Chiesa Madre San Giorgio a Locorotondo.
Un’occasione imperdibile per conoscere e ascoltare la malinconia dell’esilio di un pianista che concepisce la musica come un’arma per costruire la speranza di un mondo diverso.

Classe 1989, Ahmad è stato il primo artista a ricevere il Premio Beethoven, nel 2015, per il suo impegno in favore dei diritti umani. Nell’agosto 2016 è uscito “Music for hope”, il suo primo album composto da 18 tracce che raccontano il dramma della guerra in Siria attraverso una musica “classica”, dallo stile pienamente occidentale, armonicamente congiunta con i versi e la melodia del canto arabo. Un incontro sorprendente che si traduce in un universo musicale inedito e affascinante.
Come racconta Ahmad: “Music for hope è dedicato al mio popolo, che vuole vivere libero ma non ha alcuna voce”.

Le immagini di Aeham Ahmad al pianoforte, tra le macerie dei bombardamenti alla periferia della capitale siriana, hanno commosso il mondo intero. Lì Ahmad suonava ogni giorno un pianoforte montato su un carretto, circondato da bambini che lo accompagnavano con il canto. Una forma di resistenza alla guerra, il sollievo della musica contro il mortifero frastuono del conflitto militare. Il giorno in cui i miliziani dell’Isis gli hanno bruciato il pianoforte – perché la musica occidentale è considerata peccato mortale – e ucciso uno dei bambini che stavano intorno al piano, Ahmad ha deciso di lasciare il suo paese e fuggire verso l’Europa attraverso la rotta balcanica, insieme a migliaia di altri migranti.
Fino all’arrivo in Germania, dove acquisisce lo status di rifugiato, inizia a suonare nei teatri, incontra Angela Merkel, e pubblica il suo primo album e vince il premio Beethoven. Attualmente sta lavorando al suo secondo album e alla sua autobiografia, entrambe in uscita nel 2017.

Una storia unica e, probabilmente, al tempo stesso, simile a quella di tanti esseri umani in fuga dalla guerra, costretti a lasciare le proprie radici alla ricerca non di un futuro migliore ma di un futuro e basta. Ahmad quel futuro lo ha trovato. E lo ha trovato in Europa, culla di quella musica classica che ha scoperto da piccolo a Damasco e che, tutto sommato, gli ha salvato la vita.

Capodanno Locus al Mavù con Clap! Clap!

By | Locus Winter 2016-17, Locus Winter 2016-17

evento

Al Mavù Club di Locorotondo l’evento di fine/inizio d’anno del Locus festival, in collaborazione con Kode_1 e con la partecipazione di Clap! Clap!, nome di punta dell’elettronica italiana

 Buona fine e buon inizio nel segno rotondo del Locus, che per l’occasione si affianca a quello di Kode_1, sinonimo di eccellenza nel territorio in materia di club culture ed elettronica. Un super party di ritmi tribali, bassi profondi ed un dj team di qualità con un ospite speciale: CLAP! CLAP! ovvero Cristiano Crisci, dj e producer toscano che si è affermato sulla scena internazionale con le sue tessiture elettroniche ricche di suoni e groove africani. La sua raffinata sintesi di world music ed elettronica ha attirato persino l’attenzione di Paul Simon, che gli ha affidato la produzione di due tracce del suo ultimo album.

Tre aree musicali in azione:
♫ Kode_1 Area: CLAP! CLAP!, RAIS, Andrea Mi (Mixology).
♫ Soul Train Area: UAZZAMAN, GIANPIERO.
♫ Super Electric Area: ANY2

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬
BIGLIETTI

Early bird: RIDOTTO € 20 + d.p. ENTRO IL 25 DICEMBRE!
Dopo Natale e al botteghino: € 30 + d.p.
Infoline 393 9639865
Prevendita online http://bit.ly/ticket_clapclap_mavu
oppure presso tutti i punti vendita del circuito Bookingshow

Possibilità di prenotare la cena. Info: 327 7016898
▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

I PROTAGONISTI

 

:: CLAP! CLAP!

Clap! Clap! è il più noto alias artistico del fiorentino Cristiano Crisci. Dopo aver fatto un lungo lavoro di rifinitura e ispessimento dei beat con progetti come Digi G’Alessio, con le uscite a nome Clap Clap su Black Acre (prima l’EP ‘Tambacounda’, poi il concept album ‘Tayi Bebba’ e, infine, con lEP ‘Simple’) ha messo a fuoco un’idea di future roots che si muove agile tra antichi ritmi africani e deriva digitale. I suoi ritmi febbrili, la potenza tribale delle sue performance e l’attitudine ipercinetica di un suono essenziale è arrivato ad un essere uno dei protagonisti della scena elettronica mondiale, calcando i palchi dei maggiori festival e dei club più rinomati. Dopo i trionfi alla Boiler Room, negli ultimi tempi è diventato uno degli artisti preferiti dal guru Gilles Peterson che l’ha ripetutamente voluto sia nella sua trasmissione Worldwide che tra gli ospiti d’onoro dell’omonimo premio londinese. La recente collaborazione con il grande Paul Simon, per il quale ha prodotto due tracce dell’ultimo album, ha definitivamente lanciato il nostro talento verso traguardi ancora più importanti.

:: RAIS

Rais, classe 1987, inizia giovanissimo ad appassionarsi al mondo del djing, infatti all’età di 14 anni acquista il suo primo giradischi con cui inizia a sperimentare i primi scratch, affascinato dal mondo dell’hip hop. Dopo alcune serate nei club della provincia dove la techno-minimal in quegl’anni la fa da padrona, l’esperienza nei party privati e illegali lo portano ad innamorarsi di suoni acidi e duri, svariando nei suoi set tra dubstep,techno, jungle e drum’n’bass. Dalla passata stagione resident dei party Kode_1 ke lo hanno visto affiancare nomi della scena underground mondiale come Kode_9, LFO, Jolly Mare,Pigro on Sofa, Capibara, Apes on Tapes, 12Inch Plastic Toys, Bonnot e altri.

www.facebook.com/raisdj

 

 

:: ANDREA MI

Dal 1993 nasce come dj radiofonico, curando trasmissioni e dj-set dedicati alla scena elettronica internazionale su Controradio e Popolare Network. ‘Mixology’ è la sua trasmissione radio e l’omonimo podcast. Scrive di musica per Soundwall, DLSO e SentireAscoltare. L’ispirazione per il suo suono muove dal dub e dai beat e si sposta verso nuove le contaminazioni elettroniche all’insegna dell’eclettismo: bass music e progressioni ritmiche di varia natura. Con Backwords ha fondato l’etichetta OOH Sounds dedicata ai suoni sperimentali. Negli anni ha fatto girare i dischi in molti club italiani e internazionali. È resident dj del Kode1 di Bari, di _Underpop al Tenax di Firenze e delle storiche Vibranite all’Auditorium Flog. Ha girato i dischi con artisti come Coldcut, Kode9, Daddy G, Tricky, Jazzanova, Soul Jazz Sound System, Lee Scratch Perry, David Rodigan, ?uestlove, Cooly G, Mala, DaM-Funk e molti altri… Ama definire il suo suono “from dub to club”.

 

:: SOUL SOLUTION

Il collettivo musicale SOUL SOLUTION è un progetto nato dalla passione che ruota intorno alla produzione musicale degli anni 70 e dintorni, oltre all’amore per il suono inconfondibile del vinile. Un gruppo di amici ci crede e decide di dare una connotazione grafica e concettuale al progetto. Soul 60, Funk 70, ‘r’n’b, electro_groove contraddistinguono le nostre selezioni musicali.

Gianpiero e Stefano Uazzaman son le persone che si occupano di selezionare il meglio del groove possibile.

SOUL SOLUTION non si avvale di alcun supporto digitale. No PC, No CDJ, Solo Vinile. Perché ci piace così.

Keep your groove!

 

:: ANY2

Any2 è un duo di disc jockey che seleziona musica da vinile toccando trasversalmente tutti i generi elettronici ballabili e li miscela per raggiungere un suono armonico che possa accogliere minuto dopo minuto l’ascoltatore nel mondo dei pensieri più intimi e sognanti, nel mondo delle vibrazioni.